Giammarco Francesco

Francesco Giammarco è nato nel1960 aTrento, dove ha iniziato gli studi musicali. Deve la sua formazione pianistica alla scuola di Fausto Zadra, sotto la cui guida è diplomato con il massimo dei voti ed ha approfondito, presso la “Ecole Internationale de Piano” di Losanna, la tecnica pianistica di Vincenzo Scaramuzza, uno dei maggiori didatti del ‘900. Ha inoltre seguito i corsi di Edith Murano a Ginevra e di Leonid Brumberg (allievo del grande Heinrich Neuhaus) a Salisburgo.In quasi trent’anni di attività concertistica si è esibito come solista, con orchestra e in varie formazione cameristiche (ha eseguito in concerto l’integrale della musica cameristica con pianoforte di Mozart) in tutta Italia, in Inghilterra, Germania, Austria, Svizzera, Slovacchia e Bulgaria.Oltre che al normale repertorio solistico, dall’inizio degli anni ’90 ha dedicato grande attenzione alla produzione pianistica italiana della prima metà dell’Ottocento. In particolare si è dedicato alla riscoperta della musica di Stefano Golinelli, (compositore particolarmente apprezzato da Robert Schumann) di cui ha eseguito e inciso per la casa discografica Rivo Alto di Treviso, in prima assoluta Sonate e Studi da Concerto. Sempre perla Rivo Altoha inciso l’integrale delle Sonate di Luigi Cherubini.Dal 1994 forma stabilmente un duo pianistico con Elisabetta Dessì, assieme alla quale ha affrontato un vasto repertorio, che spazia dall’integrale delle Sonate di Mozart e Clementi alle più significative composizioni del ‘900 e si dedica con particolare attenzione alla musica per duo pianistico di Franz Liszt, autore di cui ha più volte eseguito, tra l’altro, “Via Crucis” e la trascrizione per due pianoforti della nona sinfonia di Beethoven.Nel 2000la Rivo Altoha pubblicato un CD antologico del duo (Nachts am Meere) dedicato a musiche di Dvořák, MacDowell e Heinrich Hofman. Nel 2004 il duo ha inciso per la casa discografica Phoenix, un nuovo CD dedicata alle trascrizioni per pianoforte a quattro mani dagli oratori Christus e S. Elisabetta e a “Ála Chapelle Sixtine” di Franz Liszt. Il CD ha avuto unanimi riconoscimenti da parte della critica discografica italiana.Francesco Giammarco insegna pianoforte presso il Conservatorio “G. P da Palestrina”di Cagliari come docente dei corsi tradizionali e di quelli di prassi esecutiva per il biennio superiore. Da diversi anni è inoltre titolare dei corsi biennali di tecnologia del pianoforte e di tecniche di pedalizzazione. Nell’ambito di quest’ultimo insegnamento ha approfondito in particolare la storia del pedale e della sua prassi storica dal 1770 al 1850.É presidente della sede di Cagliari dell’Associazione Mozart Italia (di cui è membro del comitato scientifico) e direttore della sezione Musica dell’Associazione Amici della Fondazione Studi Storici Giuseppe Siotto di Cagliari.

Confronto (0)


IL PEDALE DI CHOPIN. L'estetica del pedale di risonanza nella musica pianistica di Fryderyk Chopin

IL PEDALE DI CHOPIN. L'estetica del pedale di risonanza nella musica pianistica di Fryderyk Chopin

Del complesso di azioni che compongono l’esecuzione pianistica, l’impiego del pedale di risonanza è quella che più di tutte viene tradizionalmente lasciata all’istinto e alla sensi..

19,00€

IL PEDALE DI CHOPIN. L'estetica del pedale di risonanza nella musica pianistica di Fryderyk Chopin (PDF)

IL PEDALE DI CHOPIN. L'estetica del pedale di risonanza nella musica pianistica di Fryderyk Chopin (PDF)

Del complesso di azioni che compongono l’esecuzione pianistica, l’impiego del pedale di risonanza è quella che più di tutte viene tradizionalmente lasciata all’istinto e alla sensi..

9,90€

Vis. da 1 a 2 di 2 (1 Pagine)