• GIOCONDA DE VITO. La dea del violino
Pierangela Palma
GIOCONDA DE VITO. La dea del violino
Con una presentazione di Salvatore Accardo


Martina Franca ha dato i natali ad una delle più grandi violiniste del panorama internazionale del Novecento: Gioconda De Vito, donna del profondo sud che è riuscita ad arrivare ai vertici del concertismo internazionale in un’epoca in cui essere donne non era affatto semplice. Un’artista che ha saputo esprimere  nel migliore dei modi i tratti distintivi della scuola italiana: profondità di lettura, scrupolosità nei dettagli, rigore ed inflessibilità. Furtwängler, Giulini, Karajan, Fischer e Aprea, sono solo alcuni dei nomi dei partner con cui ha collaborato nella sua luminosa carriera, interrotta bruscamente da un suo volontario ritiro.
Questo libro si propone di ripercorrere le tappe più significative della sua attività artistica, indagando sul suo prematuro ritiro dalle scene e le possibili motivazioni. È un testo ricco di fotografie, carteggi e documenti rari, contiene materiale  inedito, proveniente in massima parte dall’Archivio “Gioconda De Vito” della Fondazione “Paolo Grassi” di Martina Franca.
Vi sono inoltre lettere di Kubelík, Menuhin, Furtwängler, Šostakovic nonché telegrammi di Benito Mussolini e varia altra documentazione che attesta la sua vita artistica nel corso del ventennio fascista.
Completano il volume interviste ed esempi musicali che riportano diteggiature ed arcate della De Vito.

 

INDICE SOMMARIO

Presentazione di Salvatore Accardo

Premessa

Cronologia

- Intervista a Gioconda De Vito in occasione della consegna del premio Amadeus, Londra, 18 febbraio 1991

- “Mi pare un secolo”. Ritratti e parole di centosei protagonisti del novecento

CAPITOLO I - La scuola violinistica di Gioconda De Vito: Brevi cenni sul talento
CAPITOLO II - L'attività didattica: Intervista a Vanda De Vito
CAPITOLO III - Il ventennio fascista e l'attività artistica
CAPITOLO IV - Attività concertistica: Alcuni programmi di concerto; Una tournée; Carteggi dall'archivio storico dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia Roma
CAPITOLO V - Il duo Gioconda De Vito - Tito Aprea: Intervista a Bruno Aprea
CAPITOLO VI - Gioconda De Vito su disco: Intervista al Mo Salvatore Accardo; Durate concerti
CAPITOLO VII - Fondazione Camillo Caetani
CAPITOLO VIII - Il Toscano - Antonio Stradivari 1690
CAPITOLO IX - Archivio Gioconda De Vito: Spartiti; Intervista a Franco Punzi

Appendice

Conclusioni

Bibliografia

Indice dei nomi

FL2018
NOV2019
OTT2018

Leggi un estratto
Autore: Pierangela Palma
Caratteristiche
Anno di pubblicazione 2019
Collana Personaggi della Musica, 28
Dati tecnici pp. X + 198 - formato cm. 17x24 - Illustrato
Tipo Cartaceo

GIOCONDA DE VITO. La dea del violino

  • Autore: Palma Pierangela
  • Codice: 978-88-6540-245-0
  • Disponibilità: Disponibile
  • 29,00€



Fai una domanda

Prodotti Collegati

Camillo Sivori. Carteggi del grande violinista e compositore allievo di Paganini

Camillo Sivori. Carteggi del grande violinista e compositore allievo di Paganini

Luigi Inzaghi Camillo Sivori. Carteggi del grande violinista e compositore allievo di Paganini Camillo Sivori è giustamente considerato l'unico allievo di Niccolò Paganini, per..

41,00€

Yehudi Menuhin - L'Orfeo tragico

Yehudi Menuhin - L'Orfeo tragico

Alberto Cantù Yehudi Menuhin - L'Orfeo tragico Yehudi Menuhin (1916-1999), “il violino del secolo”, è un prodigio di musica allo stato puro: un Orfeo in cui l’Istinto si fa Riv..

19,00€

Jascha Heifetz - L'Imperatore solo

Jascha Heifetz - L'Imperatore solo

Alberto Cantù Jascha Heifetz - L'Imperatore solo Jascha Heifetz (1900?-1987) è stato il violinista più influente dopo Paganini. Con un terremoto epocale che muove dal concerto ..

19,00€

David Oistrakh - Lo splendore della coerenza

David Oistrakh - Lo splendore della coerenza

Alberto Cantù David Oistrakh - Lo splendore della coerenza David Fëdorovich Oistrakh (Mosca 1908-Amsterdam 1975) ha fatto la storia del violino nel Novecento. Amico, collaborat..

20,00€