• IL GALEMPIO ovvero fauna e flora del teatro lirico
Piero Rattalino
IL GALEMPIO
Ovvero fauna e flora del teatro lirico

Il termine “galempio”, che non esiste nella lingua italiana, nasce da una errata lettura di un “colga l'empio” che si trova nel grande concertato finale del primo atto del Macbeth di Verdi. I coristi prendono il fiato dopo col e quindi cantano “col galempio”. Questo è uno degli innumerevoli casi di patenti assurdità in cui incappano i direttori artistici ai quali i dipendenti più coscienziosi chiedono lumi. La vita del teatro musicale è fatta di una infinità di questioni che risultano incomprensibili per chi non è del mestiere, o anche semplicemente per chi, ragionando con il comune buon senso, di fronte a cose insensate prova un rifiuto, una repulsione di principio. Chi fa invece di mestiere il dirigente in un teatro lirico deve prendere pazientemente in carico anche le assurdità, che sono però controbilanciate dalla possibilità di sviluppare nel lavoro, malgrado tutte le trappole, una forte creatività. Il libro tocca gli aspetti bizzarri della vita del teatro lirico, ma non è una raccolta di aneddoti curiosi. È invece una riflessione su come la musica colta, lirica e concertistica, è stata gestita nel mezzo secolo abbondante che è trascorso dalla promulgazione della Legge n. 800 del 1967, che in Italia per la prima volta affrontò il problema di dare alle attività musicali una disciplina gestionale, una saldezza economica, una finalità sociale. Il bilancio, purtroppo, si chiude in perdita e la politica non è stata finora in grado, pur con tutti i ritocchi che la Legge n. 800 ha avuto, di raddrizzare la barra. Si naviga ancora a vista, e fra gli scogli, e i passeggeri non fanno a gara nell'accedere alla crociera. Urgerebbe una riforma, e soprattutto urgerebbe un cambio di mentalità. Aspettiamo di vedere se avverrà.

 

INDICE SOMMARIO

Premessa

Direttori
Stockhausen; Celibidache; Gavazzeni; Del'Man.

Intermezzo I
‘’Di tanti figli… 

Sovrintendenti
Bologna: Badini; Genova: adiamoli; Torino: Erba; Catania: Bombace.

Intermezzo II
Dodipetto (Pavarotti & C.)

Presidenti
Roma: Fortuna; Brescia: Trizio; Parma: Borri; Roma: Agnello

Congedo


OTT2018
Leggi un estratto
Autore: Piero Rattalino
Caratteristiche
Anno di pubblicazione 2018
Collana
Dati tecnici pp. VI+202 - formato cm. 15x21
Tipo Cartaceo

IL GALEMPIO ovvero fauna e flora del teatro lirico

  • Autore: Rattalino Piero
  • Codice: 978-88-6540-204-7
  • Disponibilità: Disponibile
  • 23,00€



Fai una domanda

Prodotti Collegati

MARIO DEL MONACO. Mille guerrier m'inseguono...

MARIO DEL MONACO. Mille guerrier m'inseguono...

Gianni Gori MARIO DEL MONACO. Mille guerrier m'inseguono... Affermatosi con una delle voci migliori nei peggiori anni della nostra storia (quelli di guerra), adorato e ancora r..

19,00€

Guida al Teatro d'Opera

Guida al Teatro d'Opera

A cura di Aldo Nicastro Guida al Teatro d'Opera Selezionando un’ottantina di autori, illustri o meno (da Adams a Zimmermann), questa guida ha il compito di offrire uno stuzzica..

35,00€

FRANCO CORELLI. Irresistibilmente Tenore

FRANCO CORELLI. Irresistibilmente Tenore

Vincenzo Ramón Bisogni FRANCO CORELLI. Irresistibilmente Tenore Personalità vibratile e tormentata di tenore dalla voce d’impatto eccezionale, monolitica eppure addestrata a vi..

20,00€

GIUSEPPE DI STEFANO. Voglio una vita che non sia mai tardi

GIUSEPPE DI STEFANO. Voglio una vita che non sia mai tardi

Gianni Gori GIUSEPPE DI STEFANO. Voglio una vita che non sia mai tardi Il tesoro scoperto per caso: la voce di Giuseppe Di Stefano, il tenore che ha incarnato in un lampo di vi..

20,00€