• Un silenzio cantato. Hausmusik e scrittori nella Trieste Asburgica
Nella seconda metà dell’Ottocento, la musica a Trieste si manifesta attraverso consolidate liturgie: quella pubblica del teatro e quella privata della Hausmusik, la musica in casa, autentico rito distintivo della borghesia triestina. Italo Svevo, Elio Schmitz, Carlo Stuparich, Enrico Elia, Elody Oblath si impegnano nello studio amatoriale di uno strumento musicale in quanto parte essenziale della formazione culturale tanto che dalla loro opera letteraria si afferma questa fondamentale presenza. Con gli inizi del Novecento, la cultura triestina si apre a nuove influenze grazie ad alcuni intellettuali che entrano in contatto con le ricche pro-poste provenienti da Firenze in particolare dalla rivista “La Voce”; così Slataper e il goriziano Michelstaedter, pur restii a lasciarsi troppo coinvolgere dalla musica, sono stimolati a ragionamenti musicali da Giannotto Bastianelli, autentico mentore per tale giovane generazione assetata di novità. Le preferenze musicali di simile milieu culturale appaiono quindi disomogenee, divise tra le nostalgie legate al secolo passato e le trasformazioni che avanzano in quello entrante. Muta il gusto perché non è più appagante la semplice Hausmusik connotata dalla rassicurante tonalità delle composizioni pianistiche di Ascher o delle canzoni di Rotoli. Accanto alla mitizzazione della musica di Beethoven e Wagner, però, alcuni scrittori curiosi e irrequieti vanno alla ricerca di atmosfere meno consuete in d’Indy, Sibelius, Perosi ma anche in Schönberg. Trieste, città italiana ma fino al 1918 ancora sotto il dominio asburgico, può essere presa ad esempio perciò di comportamenti atipici, elaborati negli scritti di tanti uomini di cultura affascinati ed influenzati dalla straordinaria potenza germinatrice della musica. Contiene discografia seria.
Autore: Crise Stefano
Caratteristiche
Anno di pubblicazione 2006
Collana Musica e storia
Dati tecnici pp. 290 - formato 15x21
Rassegna stampa [...] ...ecco che Crise s'impegna in identificazioni minuziose dando vita a un avvincente regesto di Hausmusik che costituisce, per l'imponente massa di dati raccolti, il contributo più immediatamente utile del libro. *(Giorgio Pestellli, La Stampa)*.
Tipo Cartaceo

Un silenzio cantato. Hausmusik e scrittori nella Trieste Asburgica

  • Autore: Crise Stefano
  • Codice: 978-88-87203-39-4
  • Disponibilità: Disponibile
  • 20,00€



Fai una domanda

Prodotti Collegati

Brünnhilde - Morte a Trieste

Brünnhilde - Morte a Trieste

Durante la tournée della compagnia di Angelo Neumann con il ciclo del Ring, il 2 giugno 1883 a pochi mesi dalla morte di Wagner si spegneva a Trieste il soprano Hedwig Reicher Kind..

15,00€

La divina ispirazione. L'educazione musicale del popolo nella Trieste asburgica

La divina ispirazione. L'educazione musicale del popolo nella Trieste asburgica

Ascolti musicali, voluti e casuali, pratiche strumentali, solitarie o di gruppo, mondo popolare e pendant borghese, sono i variegati modelli esplorati in questa ricerca che si è ba..

20,00€

Gli inni nazionali del mondo

Gli inni nazionali del mondo

Un tempo relegati alla singola nazione e alle sue cerimonie, con il diffondersi della televisione e dei grandi avvenimenti sportivi, gli inni nazionali sono diventati ormai noti a ..

25,00€

Un silenzio cantato. Hausmusik e scrittori nella Trieste Asburgica (PDF)

Un silenzio cantato. Hausmusik e scrittori nella Trieste Asburgica (PDF)

Nella seconda metà dell’Ottocento, la musica a Trieste si manifesta attraverso consolidate liturgie: quella pubblica del teatro e quella privata della Hausmusik, la musica in casa,..

9,90€