• Sergiu Celibidache - La fenomenologia per l'uomo
Sergiu Celibidache lavorò duramente, controcorrente, nel ruolo di brillantissimo direttore d’orchestra ovunque osannato, per i più. Invece non sono numerosi a sapere che questa attività per, e nella musica, era da lui intesa come supporto e verifica a un altrettanto rilevante e complesso impegno teorico e ideale. Con la propria arte direttoriale e con una attività pedagogia multidisciplinare, il musicista romeno ha alimentato una solitaria azione risarcitoria all’insegna della probità - azione inquadrata in una originale cornice fenomenologica - a favore della musica che nell’ultimo secolo s’è persa nel deserto: aride e disegnate casualmente le dune dell’espressione, e ingannatori i miraggi dei compensi. La singolare presenza di Sergiu Celibidache sullo scenario musicale del secondo Novecento è stata variamente valutata, ma, pur cercando a lungo, è francamente impossibile affermare di avere identificato un protagonista così ricco di dottrina e di estro, di fantasia e di carisma, di risorse intellettuali e di larghezza mentale: contro il mercato dell’arte e contro le tecniche di organizzazione del consenso. Il popolo della musica poco sa di questo grande uomo: il numero di chi l’abbia visto dirigere si riduce, è ovvio, progressivamente; l’industria della riproduzione del suono, ed ora dell’immagine, ha messo in circolazione, contro la sua volontà, pallide e talvolta contraddittorie testimonianze sulla sua arte; solo negli ultimissimi anni, per iniziativa della famiglia, s’è assistito a una inversione di tendenza. La provvida iniziativa dell’editore ha dato luogo a una problematica e non rettilinea riflessione sul massimo artefice di musica -- non di dischi -- e pontefice del suono, del suo tempo; riflessione che si spera riveli la complessità del suo essere nel mondo, e nella musica; la biografia si intreccia con le tappe avventurose della “carriera”, con le linee forti e coerenti del pensiero, con il luminoso rigore pedagogico in un viluppo indissolubile e ostile all’analisi: a danno della presente esposizione. Riflessione, ancora, da cui emerge il fascino di una personalità superiore e singolarissima per le doti umane debordanti, e l’intransigente tutela del salvifico patrimonio di convinzioni proposte con straordinaria energia contro tutti, e contro tutto, ma a favore della musica e, in fondo, di ricaduta, dei soliti insaziabili happy few. Contiene discografia indicativa
Leggi un estratto
Autore: Padroni Umberto
Caratteristiche
Anno di pubblicazione 2009
Collana Grandi Direttori
Dati tecnici pp. 232 - formato cm. 15x21
Tipo Cartaceo

Sergiu Celibidache - La fenomenologia per l'uomo

  • Autore: Padroni Umberto
  • Codice: 978-88-87203-75-2
  • Disponibilità: Disponibile
  • 20,00€



Fai una domanda

Prodotti Collegati

CLAUDIO ABBADO. Le opere e i giorni

CLAUDIO ABBADO. Le opere e i giorni

Ritratto dell’ultimo umanista: un maestro in lotta contro la globalizzazione delle coscienze, questo profilo di Abbado traccia la parabola di una vita spesa nell’edificare orchestr..

25,00€

Sergiu Celibidache - La fenomenologia per l'uomo (PDF)

Sergiu Celibidache - La fenomenologia per l'uomo (PDF)

Sergiu Celibidache lavorò duramente, controcorrente, nel ruolo di brillantissimo direttore d’orchestra ovunque osannato, per i più. Invece non sono numerosi a sapere che questa att..

11,00€

MUSICA n. 099 - Agosto-Settembre 1996

MUSICA n. 099 - Agosto-Settembre 1996

 

Intervista Paul Badura-Skoda - Agostino Orizio - Polifonie sacre e profane (terza parte) - O. Samaroff - Ricordo di Kubelik e Celibidache - Un punto di riferimento nella storia del..

10,00€

MUSICA n. 144 - Marzo 2003

MUSICA n. 144 - Marzo 2003

 

Prokofiev: le sonate per pianoforte - Intervista a Valery Gergiev - Un'opera di Jacques Ibert - Fricsay, Malko, Cluytens e Barbirolli - Intervista a Herreweghe - Il violino De Mori..

10,00€