• Richard Wagner
Das Rheingeld, un fiume di danaro - ovvero Richard und Minna u. Mathilde u. Cosima u. Ludwig u. ... Parallela a quella del geniale compositore emerge qui l’altra facies sommamente negativa dell’uomo Wagner che, schizofrenicamente, non rinunziava a farsi spregevole sfruttatore di chiunque — amico, consorte, artista, statista — incappasse nella ventura di affiancarglisi in vicende esistenziali, quando solo occasionali, quando prolungate, di complessa decifrabilità. Prende sostanza, quindi, un’avventura umana in troppe occasioni afflitta da forsennata bulimia patrimoniale e conseguenti sperperi sibaritici tali da far aggio sulla grandezza, per più versi unica, del creatore Wagner, a specchio di quanto reclamavano del resto gli allestimenti delle sue opere: gigantismo strumentale e vocale, inusitato dispendio per ogni mise en scène. Indubitabilmente, bellezza e sfarzo (al limite del kitsch più osceno) costituivano gli imperativi categorici a cui Richard Wagner non riusciva a sottrarsi uniformandovi, sempre e comunque, un train de vie troppo spesso condotto riprovevolmente a spese materiali e morali di chi più l’amasse con un'inescusabile commistione di questioni de coeur et d’argent. Forse, in tal senso, la vittima maggiormente degna di solidarietà andrebbe individuata nella indifesa prima moglie, Minna, donna capace di un’abnegazione amorosa più che rara. Fu lei che, nell’imminenza del congedo da una vita più che stentata, non mancò di fargli pervenire estreme, commoventi parole dove non è difficile poter leggere il più acuto ritratto dell’immeritevole consorte: «...nel profondo del cuore, tu sei veramente buono e ne ho sempre avuto coscienza. È soltanto dalla tua mente, in cui pur alberga tanta profusione di bellezza e magnificenza, che proviene il troppo male che a volte investe quelli che ti sono intorno. Ora tutto questo sarà perdonato e dimenticato…». Così — ad onta del rigurgito di sarcasmo che pur può insorgere all’atto della narrazione documentata dell’autentico sacco perpetrato a danno di Minna, dei coniugi Wesendonck, di Ludwig II di Baviera e di una teoria quasi interminabile di vittime minori — nemmeno ci si sottrae alla considerazione che, senza quel sacco, un Wagner sarebbe stato irrimediabilmente condannato al silenzio rendendo gli orizzonti della musica ben più ristretti di quanto ora ci sia dato godere.
Leggi un estratto
Autore: Bisogni Ramón Vincenzo
Caratteristiche
Anno di pubblicazione 2009
Collana I Racconti della Musica
Dati tecnici pp. 156 - formato cm. 15x21
Tipo Cartaceo

Richard Wagner

  • 19,00€



Fai una domanda

Prodotti Collegati

Brünnhilde - Morte a Trieste

Brünnhilde - Morte a Trieste

Durante la tournée della compagnia di Angelo Neumann con il ciclo del Ring, il 2 giugno 1883 a pochi mesi dalla morte di Wagner si spegneva a Trieste il soprano Hedwig Reicher Kind..

15,00€

TRISTAN e ISOLDE. Il canto della notte

TRISTAN e ISOLDE. Il canto della notte

Tristan und Isolde non è solo il “monumento al meraviglioso sogno dell’amore” che Wagner volle erigere nel vento magico dei mitici paesaggi nordici: è apoteosi lirica, opera intros..

19,00€

Angelo Mariani tra Verdi e la Stolz

Angelo Mariani tra Verdi e la Stolz

Angelo Mariani: un ravennate che a metà '800 seppe acquisire statura europea tra le figure massime del mondo musicale, eppure misconosciuto nella generosa personalità di uomo, prev..

20,00€

Posto in musica dal conte GIULIO LITTA VISCONTI ARESE (PDF)

Posto in musica dal conte GIULIO LITTA VISCONTI ARESE (PDF)

Musicista, mecenate e patriota nella Milano dell'Ottocento - Presentazione di Cesare Fertonani “Riescì uno dei migliori compositori dilettanti che vantasse l’Italia”: così Carl Sch..

15,00€