• FILIPPO MANFREDI. La biografia e l'opera strumentale
Molti sono stati i musicisti costretti a peregrinare per l'Europa alla ricerca di visibilità durante il Settecento. Manfredi, violinista molto attivo e stimato a Lucca, si lega fin dai suoi primi studi alla città di Genova, dove — oltre ad imparare a suonare il violino — inizierà una seconda carriera artistica suonando nelle chiese, nei teatri e per le famiglie della nobiltà locale. Un legame quello tra Lucca e Genova molto interessante per scoprire i passaggi tra strumentisti che porterà diversi violinisti a soggiornare nella ridente città toscana; e tra questi arriverà anche il più importante — Niccolò Paganini — che per diversi anni si produrrà come concertista e insegnante di violino a Lucca. Filippo Manfredi, violinista dalle doti tecniche straordinarie, che fu tra i primi ad impiegare i flautati semplici e doppi, sviluppando una tecnica strumentale di notevole modernità. Filippo Manfredi il compagno di viaggio di Luigi Boccherini con il quale avvierà la prima esperienza di quartetto d'archi della storia e con il quale inizierà una lunga tournée verso Genova, città nella quale era lui il personaggio e non Boccherini. Dall'Italia verso la Francia, verso Parigi dove i due musicisti lucchesi cercheranno di emergere suonando assieme la loro musica. Parigi, dove entrambi pubblicheranno le loro opere, le quali rivelano alcune affinità, almeno sotto l'aspetto strettamente formale. E poi, l'ultimo atto del loro viaggio verso la Spagna, verso nuove prospettive lavorative con le compagnie d'opera e la corte del Principe delle Asturie. Nel 1772 il legame tra i due musicisti si interrompe; Filippo Manfredi torna nella sua Lucca, una città in cui la vita musicale ferveva grazie alla straordinaria sensibilità delle istituzioni, ma anche alla presenza della famiglia Puccini, che per generazioni diresse le sorti della locale Cappella di Palazzo. Musicista ben consapevole del proprio valore — tanto da farsi pagare più del suo maestro di Cappella, Giacomo Puccini senior — fu stroncato a soli 46 anni con tutta probabilità dal celebre “male gallico”, la malattia di coloro i quali conducevano vita sentimentale disordinata.
Leggi un estratto
Autore: Bellora Carlo
Caratteristiche
Anno di pubblicazione 2009
Collana Autonomo
Dati tecnici pp. 118 - formato cm. 17x24
Tipo Cartaceo

FILIPPO MANFREDI. La biografia e l'opera strumentale

  • Autore: Bellora Carlo
  • Codice: 978-88-87203-79-0
  • Disponibilità: Disponibile
  • 20,00€



Fai una domanda

Prodotti Collegati

J.S. Bach. Dialoghi e divertimenti

J.S. Bach. Dialoghi e divertimenti

Con una Presentazione di Giacomo Manzoni “Perché tante musiche di Johann Sebastian Bach fanno pensare a relazioni ignote, a luoghi utopici, a dimensioni interminabili?”. Forse p..

13,00€

Guida alla Musica da Camera

Guida alla Musica da Camera

La musica da camera rappresenta senza dubbio la parte più cospicua e raffinata dell’intero repertorio musicale occidentale, percorrendo da cima a fondo la storia della musica dalla..

49,00€

J.S. Bach. Dialoghi e divertimenti (PDF)

J.S. Bach. Dialoghi e divertimenti (PDF)

Con una Presentazione di Giacomo Manzoni “Perché tante musiche di Johann Sebastian Bach fanno pensare a relazioni ignote, a luoghi utopici, a dimensioni interminabili?”. Forse p..

9,00€