• Musica Maledetta. Il trionfo della non musica
“Musica maledetta” non è solo quella imposta banalmente dalla liturgia corrente, ma anche quella impressa dall’avidità del guadagno nel codice genetico dei suoni. Quanto sia ignobile e diseducativo che nelle scuole e nelle chiese insegnino ad apprezzare le schitarrate di infimi cantautori più o meno media-diffusi non appare evidente nelle società dei consumi. I ragazzi crescono imparando a usare la musica, nel miglior dei casi, come “ansiolitico ecologico”. Sarebbe lecito aspettarsi dalla chiesa l’attaccamento al suo irrinunciabile ruolo storico di promotrice delle arti, ma questo negli anni va scomparendo. I sacerdoti non sono più i colti amanti di una cultura universale, insieme agli imperatori, ai Gregorio Magno. I gran signori di Toscana, i papi quali Leone X o Urbano VIII non proteggono più Michelangelo o Monteverdi. Durante le celebrazioni in chiesa si è immersi in uno sciatto e profano livello di ascolti musicali e ciò crea una decadenza della convivialità sacrale. Si offre anche a Dio il peggio, solo perché è più noto, più facile e propagandato e magari perché “piace ai giovani”. Tutto questo è un invito alla superficialità. La gioia intima si muta in condivisione primitiva e dissennata. La dimensione del ricordo musicale nel silenzio è uccisa. Il pattume sonoro ha vinto. Jubal per primo forgia i suoni con pezzi di legno su cui tende delle corde con canne e corna di bovino. Egli accettò lo sgomento di provenire da Caino, ma si evolse per la forza redentrice delle note che aveva creato. L’arte non è algolagnia. L’attestano in musica — si licet — (gli esempi sarebbero innumerevoli) alcuni Madrigali di Gesualdo da Venosa, la Passione secondo San Matteo di Bach, il terzo movimento della Sonata beethoveniana opera 110, il primo del Quintetto in Do maggiore di Schubert, l’ultimo della Nona sinfonia di Mahler, l’adagio molto del Quarto quartetto di Béla Bártok. L’aggirarsi entro tali suoni conduce a un “viaggio numinoso”, intenso e liberatorio, in cui la poesia si sente attratta in un percorso senza fine dove si vivono momenti senza tempo. È il terreno privilegiato della ricerca artistica. In questo viaggio nella potenza divina della musica si svolge il significato e il contenuto di “Musica maledetta” che ci accompagna dalle origini di una consacrazione musicale all’estatico ultimo capitolo, dove Il pane di Horton diviene l’archetipo in cui ci “sovvien l’eterno”. a cura di Liliana Garuti delli Ponti - presentazione di Lorenzo Arruga
Leggi un estratto
Autore: delli Ponti Mario
Caratteristiche
Anno di pubblicazione 2012
Collana Autonomo
Dati tecnici VIII+120 pag. - f.to cm. 15x21
Tipo Cartaceo

Musica Maledetta. Il trionfo della non musica

  • 19,00€



Fai una domanda

Prodotti Collegati

Guida alla Musica Sinfonica

Guida alla Musica Sinfonica

Da Bach a Beethoven, da Mahler ai contemporanei: una Guida all'ascolto attivo e critico delle pagine sinfoniche che hanno fatto, e fanno, la Storia della musica, inquadrate nella l..

35,00€

FRANCIS POULENC. Una biografia

FRANCIS POULENC. Una biografia

Questa è la prima biografia in italiano del compositore francese Francis Poulenc (Parigi 1899-1963). La Francia gli ha dedicato molti studi, elogiandolo quasi a guisa di eroe nazio..

23,00€

Olivier Messiaen: Saint François d'Assise. Cammino verso la joie parfaite

Olivier Messiaen: Saint François d'Assise. Cammino verso la joie parfaite

Olivier Messiaen (Avignone, 10 dic. 1908-Clichy, 27 apr. 1992) conquista, seduce, abbaglia attraverso un’espressione artistica dalla multiforme colorazione; una musica alimentata e..

25,00€

Musica Maledetta. Il trionfo della non musica (PDF)

Musica Maledetta. Il trionfo della non musica (PDF)

“Musica maledetta” non è solo quella imposta banalmente dalla liturgia corrente, ma anche quella impressa dall’avidità del guadagno nel codice genetico dei suoni. Quanto sia ignobi..

9,90€